Categoria

MEDFILM FESTIVAL XXIV

MEDFILM FESTIVAL 2019: TUTTI I VINCITORI

By CATEGORIA EVENTO: MEDFILM FESTIVAL XXIV | No Comments

MEDFILM FESTIVAL – 25° EDIZIONE
IL CINEMA DEL MEDITERRANEO A ROMA
8/21 NOVEMBRE 2019

Venerdì 15 novembre si è svolta la Cerimonia di Premiazione della 25ma edizione del MedFilm Festival che proseguirà fino al 21 novembre con proiezioni e incontri letterari. Questa speciale edizione ha visto la partecipazione di numerosi ospiti nazionali e internazionali per un programma più ricco e variegato che mai: 94 film per 36 paesi, eventi di approfondimento, incontri letterari ed esposizioni.

Il festival, presieduto da Ginella Vocca e diretto da Giulio Casadei, prosegue il suo percorso con la programmazione, il 16 e il 17 novembre al Nuovo Cinema Aquila, di 4 titoli: The Scarecrows di Nouri Bouzid, The August Virgin di Jonas Trueba, Tlamess di Ala Eddine Slim e For Sama di Waad al-Khateab e Edward Watts, il 20 e il 21 sarà la volta dello Spazio Apollo 11, con la retrospettiva dal titolo Med25-Testimonianze d’Autore dall’Archivio del MedFilm festival. Una panoramica storica che abbraccia il decennio a cavallo dei due millenni, curata da Roberto Silvestri che introdurrà le proiezioni. Sempre il 21 novembre, alla Biblioteca Mameli, si terrà la presentazione del libro Future, il domani narrato dalle voci di oggi a cura di Igiaba Scego, Editrice Effequ, l’evento è realizzato in collaborazione con la Libreria Tuba.

Tra gli ospiti internazionali di questa edizione: Darko Štante – Slovenia, Ece Yüksel – Turchia, Ahmad Ghossein – Libano, Ala Eddine Slim, Habib Attia, Chawki Knis, Mourad Ben Cheikh, Mohamed Ali Ben Hamra – Tunisia, Javier Lafuente – Spagna. Tanti critici, giornalisti e scrittori italiani hanno partecipato alle proiezioni presentando film e moderando i dibattiti con gli ospiti: Michela Murgia, Angela Prudenzi, Francesca Bellino, Daria Pomponio, Mariangela Matonte, Mario Sesti, Roberto Silvestri, Giona A. Nazzaro, Federico Pontiggia, Eric Jozsef, Sergio Sozzo, Luca Biscontini, Stefano Coccia.

Il Medfilm Festival ha consegnato un Premio speciale per meriti artistici, al regista Antonio Capuano, “per aver raccontato l’infanzia e l’adolescenza come parte essenziale della nostra esistenza e del nostro mondo, per aver dipinto una Napoli inattesa, mai piegata agli stereotipi e al folklore, per aver sperimentato modi, stili e forme del cinema attraverso quelle “correnti oblique” capaci di passare dal barocco di Pianese Nunzio al realismo di La guerra di Mario e Bagnoli Jungle fino al surrealismo di Sofialorèn.”

Tra gli ospiti italiani Mario Martone che ha presentato il suo ultimo lavoro Il sindaco del rione sanità, e Pietro Marcello, protagonista di una intensa masterclass presso il Dipartimento di Filosofia dell’Università La Sapienza di Roma, e la proiezione di La bocca del lupo e Bella e perduta.

Mario Morcone, Direttore del CIR – Consiglio italiano per i rifugiati, ha consegnato il Premio KOINÉ 2019 a Comunità di Sant’Egidio e Federazione delle Chiese evangeliche: “grazie alla forte spinta al dialogo interreligioso, la Comunità di Sant’Egidio e la Federazione delle Chiese evangeliche in Italia hanno dato vita alla nascita di corridoi umanitari che portano in salvo legalmente, dunque senza rischi per l’incolumità fisica, uomini, donne e bambini in fuga da dittature, guerre e carestie”.

Questi i vincitori della 25ma edizione del MEDFILM Festival

PREMIO AMORE E PSICHE

La Giuria del Concorso Ufficiale, composta da Pappi Corsicato, Paola Randi, Mario Sesti, Giovanni Pompili ha decretato:

Premio AMORE E PSICHE a: For Sama di Waad al-Khateab e Edward Watts (UK / Siria)

“Uno sconvolgente diario che ti fa entrare nel vissuto quotidiano di una delle più inaccettabili tragedie contemporanee. A fronte di uno sguardo oggettivo e documentario, tagliente ed efficace, ciò che resta nella memoria, grazie all’attento lavoro di edizione, è un’umanità vibrante ed empatica capace di sopravvivere in condizioni così avverse. Difficile conservare la propria indifferenza dopo averlo visto”.

Premio SPECIALE DELLA GIURIA a: A Tale of Three Sisters di Emin Alper (Turchia / Germania / Paesi Bassi / Grecia)

“La polifonia romanzesca dei personaggi, la suggestione culturale e ambientale, la provvista di sfumature psicologiche e narrative, ne fanno un’opera dal peso specifico non ordinario le cui implicazioni di genere sono mirabilmente dissolte nella narrazione”.

Premio ESPRESSIONE ARTISTICA ex aequo a: Tlamess di Ala Eddine Slim (Tunisia / Francia) e All This Victory di Ahmad Ghossein (Libano / Francia / Qatar)

“La forza compositiva dell’inquadratura e la libertà dello sguardo, così come l’originalità del soggetto e le implicazioni drammaturgiche della sceneggiatura, sono i tratti di linguaggio e di creatività che rispettivamente di Tlamess e All This Victory la giuria ha pensato di premiare e segnalare”.

CONCORSO METHEXIS

Premio METHEXIS per il Miglior Cortometraggio ex aequo:

Autum Waltz di Ognjen Petkovic (Serbia / USA)

“Anche se si tratta di una storia locale su un evento storico, è una favola universale filmata con poesia e che lascia gli spettatori con tantissime immagini dense e forti impresse nella mente. Ogni elemento nel film è costruito perfettamente e contribuisce a renderlo un indimenticabile ritratto della crudeltà umana, ricco però di tracce di speranza”.

Nefta Footbal Club di Yves Piat (Tunisia / Francia)

“Abbiamo scelto di premiare questo corto per la sua capacità di miscelare sapientemente il dramma con un tono umoristico, senza scadere nel retorico. Il finale ha un forte effetto catartico, cambiando punto di vista e andando contro l’immaginario comune. Inoltre ha descritto in modo originale l’aspetto più importante: la fatalità è più forte del destino che ognuno di noi cerca di costruirsi”.

Premio CERVANTES ROMA al cortometraggio più creativo:
Intense Practice to Improve Performance
di Yasser Shafiey

“Una black comedy che conduce una gag “locale” ad un livello universale, riuscendo a parlare di un tema complesso con incredibile semplicità”.

Menzioni Speciali:

Dia de fiesta di Sofia Bost (Portogallo)

“Un tocco delicato per una storia forte, un esempio di regia precisa e controllata: un’impressionante opera prima che mostra come il dolore può passare da una generazione all’altra”.

Omé (My Mother) di Wassim Geagea (Libano / Qatar)

“Un corto che si distingue come opera sociale, cinematografica e di sentimenti. Il tema della perdita, dell’elaborazione di un lutto, del credere in qualcosa e nel rendersi conto che quel qualcosa non esiste. La potenza delle immagini nel comunicare tale stato d’animo con il furto di un’icona religiosa che si rivela essere non altro che una statua di gesso diventa metafora del passaggio improvviso dall’età giovane a quella adulta”.

PREMI COLLATERALI

WWW: Walk With Women

Le Giurie del concorso WWW – Walk With Women (realizzato con il Dipartimento per le Pari Opportunità per combattere la violenza di genere) composte da Valerio Burli, Rossella Inglese e Benedetta Valabrega (cortometraggi) e Zeno Colantoni, Flaminia Lera e Giorgio Nasti (fotografie), hanno decretato:

Miglior cortometraggio: The Role di Farnoosh Samadi

Menzione speciale: In Her Shoes di Maria Iovine

Migliore fotografia: Love Suicide di Lalula Vivenzi

Premio PIUCULTURE

Organizzato con il giornale online PiuCulture e assegnato da Bassirou Ballde (Guinea), Dhegar Rafael Cordero Graterol (Venezuela), Alessandra Dudu (Romania) e Aida Mehboudi (Iran), ha decretato vincitore:

A Tale of Three Sisters di Emin Alper (Turchia / Germania / Paesi Bassi / Grecia)

Premi delle Giurie UNIVERSITARIE

Gli studenti delle Università La Sapienza (Dipartimento Istituto italiano di studi orientali, Dipartimento di Storia dell’Arte e Spettacolo), Tor Vergata (Dipartimento di Storia Patrimonio Culturale Formazione e Società), Roma Tre (Dipartimento di Filosofia, Comunicazione, Spettacolo) John Cabot University e della Scuola d’Arte cinematografica Gian Maria Volontè, hanno deciso di assegnare i seguenti premi:

 

Miglior Film: For Sama di Waad al-Khateab e Edward Watts (UK / Siria)

Menzioni speciali: Western Arabs di Omar Shargawi (Danimarca / Paesi Bassi) e The August Virgin di Jonás Trueba (Spagna)

Miglior cortometraggio: Autum Waltz di Ognjen Petkovic (Serbia / USA)

Menzioni speciali: Ellinikion di Konstantinos Prepis (Grecia) e Omé (My Mother) di Wassim Geagea (Libano / Qatar)

Giuria dei CIRCOLI DI LETTURA DELLE BIBLIOTECHE DI ROMA

La Giuria, composta da cinque membri in rappresentanza di quattro Circoli di Lettura delle Biblioteche di Roma (Biblioteca Europea, Biblioteca Flaminia, Biblioteca Giordano Bruno e Casa delle traduzioni), ha decretato vincitore:

For Sama di Waad al-Khateab e Edward Watts (UK / Siria)

MEDFILM FESTIVAL 2018: TUTTI I VINCITORI

By CATEGORIA EVENTO: MEDFILM FESTIVAL XXIV | One Comment

MEDFILM FESTIVAL 2018 – 24° EDIZIONE
9 – 18 NOVEMBRE | ROMA
CINEMA SAVOY / MACRO ASILO / NUOVO CINEMA AQUILA

“L’iniziativa è parte del programma di Contemporaneamente Roma 2018 promosso da Roma Capitale-Assessorato alla Crescita culturale e realizzato in collaborazione con SIAE”. Con il sostegno del MiBAC e di SIAE, nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura” .

Si è conclusa con un bagno di folla la 24a edizione del MedFilm Festival, suggellando nel migliore dei modi una delle edizioni più riuscite e significative nella storia recente del festival.

Il festival, presieduto da Ginella Vocca e diretto per la prima volta da Giulio Casadei, si è tenuto presso il Cinema Savoy, il MACRO ASILO – Museo di arte contemporanea di Roma e il Nuovo Cinema Aquila. Programma come di consueto imponente con 79 film provenienti da 34 paesi. Ad aprire il festival, in concorso, il film siriano The Day I Lost My Shadow di Soudade Kaadan, Leone del futuro a Venezia 75.

A chiudere il festival, fuori concorso, il maestro israeliano Amos Gitai con A Tramway in Jerusalem, una commedia umana e politica che osserva, con tagliente ironia, momenti della vita quotidiana di alcuni passeggeri: un viaggio caleidoscopico nella Gerusalemme di oggi.

Tra le presenze internazionali al festival sono arrivati, tra gli altri, Meryem Benm’barek – Marocco, Ali Mosaffa – Iran, Mónica Garcia – Spagna, Cagla Zencirci, Guillaume Giovanetti – Turchia, Mohamed Ben Attia, Azza Chaabouni, Latifa Doghri, Salem Trabelsi – Tunisia, Wolfgang Fischer – Germania, Stefan Kruse – Danimarca, Stefano Savona. Tanti critici, giornalisti e scrittori italiani hanno partecipato alle proiezioni presentando film e moderando i dibattiti con gli ospiti: Mario Sesti, Federico Pontiggia, Giona A. Nazzaro, Angela Prudenzi, Sergio Sozzo, Crispian Balmer, Eric Jozsef, Stefania Ulivi, Katia Ippaso, Tiziana Lo Porto, Enrica Colusso, Marco Pistoia, Francesca Bellino, Monica Stambrini e Daria Pomponio.

Il Medfilm Festival ha consegnato due Premi alla Carriera, alla regista Liliana Cavani, “per aver sempre inseguito la libertà e il dialogo, per il suo impegno intellettuale e morale contro la banalità e contro gli stereotipi femminili” e alla produttrice Dora Bouchoucha, “per aver usato il suo talento e il suo coraggio al servizio del cinema e di tutte le donne, da produttrice innovativa e inarrestabile in un settore in prevalenza maschile“. Ilaria Cucchi ha quindi consegnato il Premio KOINÉ 2018 a Amnesty International, “per la capacità di intervenire in modo innovativo in situazioni di emarginazione e grave disagio, ponendosi il duplice obiettivo della tutela dei diritti e della formazione dei più giovani, stimolando la curiosità alla diversità culturale e sociale. In un contesto come quello attuale, attraversato da profonde crisi, la capacità progettuale e di lavoro di rete di Amnesty International è un esempio di impegno e tenacia, per continuare credere profondamente nella dignità dell’essere umano e a combattere per i diritti di tutti”.

PREMIO AMORE E PSICHE

La Giuria del Concorso Ufficiale, composta da Anna Bonaiuto, Valia Santella, Patrizio Nissirio, Babak Karimi e Jacopo Quadri ha decretato:

PREMIO AMORE E PSICHE AL MIGLIOR FILM: Treasure Island di Guillaume Brac

“Un film che spinge a guardare la vita nel suo svolgersi. Uno sguardo partecipato ma privo di giudizio su uno spazio ricreativo che diventa teatro di un’umanità ricca e plurale. La periferia francese raccontata al di là degli stereotipi, ma senza tacerne i conflitti e le contraddizioni. Il regista Guillaume Brac si conferma come una delle voci più interessanti del cinema francese contemporaneo”.

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA: The Swing di Cyril Aris

“Il regista Cyril Aris filma i silenzi, il non detto, l’amore degli anziani nonni e realizza un film struggente e doloroso, capace di riflessioni profonde sulla vecchiaia e sull’approssimarsi della morte. La condizione umana raccontata con dolcezza all’interno di poche stanze e un balcone che guarda Beirut”.

PREMIO ESPRESSIONE ARTISTICA: Dear Son di Mohamed Ben Attia

“Il dramma di una famiglia tunisina, dove la democrazia si confronta con le tentazioni del fondamentalismo, si incarna nell’interpretazione di Mohamed Dhrif, intenso e commovente nella disperata ricerca del figlio”.

CONCORSO METHEXIS

La Giuria – composta dagli studenti delle Scuole Nazionali di Cinema di: Algeria, Tunisia, Marocco, Libano, Albania, Francia, Spagna e Italia, ha decretato:

PREMIO METHEXIS AL MIGLIOR CORTOMETRAGGIO: Brotherhood di Meryam Joobeur

“Un film che ha la capacita di esprimere tramite un linguaggio di sguardi e silenzi un conflitto generazionale. Attraverso un approccio multi soggettivo il film riesce ad avvicinarci ai suoi personaggi rendendoci partecipi delle loro tensioni”.

PREMIO CERVANTES AL CORTOMETRAGGIO PIÙ CREATIVO: Deer Boy di Katarzyna Gondek

“L’eterno conflitto del protagonista con la sua doppia natura uomo – animale e il senso di repressione del diverso, provato da un padre che non riconosce il proprio figlio, sfociano in immagini di inusuale atrocità. La fotografia, la scenografia e il ritmo sincopato del montaggio sono tutt’uno con la storia, arricchendo una regia di contrasti che racconta una trasformazione: uno spirito, oppresso dalla nascita, diventerà un cacciatire di oppressori”.

MENZIONE SPECIALE: Aurore di Mael Le Mée

“È un film liberatorio, un invito alla scoperta del piacere. All’interno dei personaggi il racconto di formazione e l’erotismo abbracciano il fantastico. Come la protagonista entra nei corpi alimentandone il piacere, così il film penetra lo spettatore, toccandolo”.

PREMI COLLATERALI

PREMIO PIUCULTURE, Organizzato con il giornale online PiuCulture e assegnato da Amir Khanpoor (Iran), Benedicta Djumpah (Italia), Ngouedi Marocko (Gabon), Sarra Rejeb (Marocco):

PREMIO PIUCULTURE: Yomeddine di Abu Brakr Shawky

“Per la chiave poetica in cui affronta i temi della diversità, della discriminazione e dello stigma sociale, ma allo stesso tempo perché è in grado di descrivere la possibilità di uscire dall’isolamento grazie alla costruzione di legami affettivi. L’incontro tra due esclusi, un malato di lebbra e un orfano nubiano, diviene un luogo di conoscenza e crescita personale che ci porta alla scoperta del mondo. Questo è un viaggio che ci racconta il territorio e le profonde contraddizioni di un Paese”.

PREMI DELLE GIURIE UNIVERSITARIE

Gli studenti delle Università La Sapienza (Dipartimento Istituto italiano di studi orientali, Dipartimento di Storia dell’Arte e Spettacolo), Tor Vergata (Dipartimento di Storia Patrimonio Culturale Formazione e Società), Roma Tre (Dipartimento di Filosofia, Comunicazione, Spettacolo) John Cabot University e della Scuola d’Arte cinematografica Gian Maria Volontè, hanno deciso di assegnare i seguenti premi:

MIGLIOR FILM: Sibel di Cagla Zencirci e Guillaume Giovanetti

“Il film si avvale di una carica filosofica e di un impianto stilistico di indubbia sensibilità e professionalità. Azzeccato il plot (il linguaggio incomprensibile e allo stesso tempo universale della protagonista muta, un antieroe a tutti gli effetti), efficace nella scenografia dove non solo si nota un forte attaccamento agli usi e costumi locali del paese di produzione (ottima capacità di rappresentazione del tessuto sociale di quella realtà turca) ma anche una consapevolezza di messa in scena perfettamente in linea con le esigenze di spettacolo e di attrazione della cinematografia internazionale del nostro decennio”.

MENZIONE SPECIALE: Treasure Island di Guillaume Brac

“È una commedia corale tesa e molto variegata, capace di fondere aspetti scenici divertenti e carichi di pathos nonché riflessione esistenzialista (il personaggio dell’uomo anziano su tutti). Un film sulla condizione umana nel free-time, seppure a scartamento ridotto”.

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO: Deer Boy di Katarzyna Gobdek

“La giuria universitaria ha scelto all’unanimità il cortometraggio di Katarzyna Gobdek per la capacità di rappresentare attraverso un linguaggio metaforico l’universalità del dramma dell’essere diversi”.

MENZIONE SPECIALE: Brotherhood di Meryam Joobeur

“Per la sensibilità con cui è rappresentata una tragedia familiare segnata dalla dialettica tra due inconciliabili concezioni del giusto”.

CHIUSE LE ISCRIZIONI ALLA 24° ED. DEL MEDFILM FESTIVAL

By CATEGORIA EVENTO: MEDFILM FESTIVAL XXIV | No Comments

MEDFILM Festival 2018 

Chiuse le Iscrizioni!       

24° edizione del MEDFILMfestival

Le iscrizioni sono ufficialmente chiuse, ringraziamo per la grande partecipazione dandovi appuntamento a fine ottobre per l’annuncio del programma del festival che sarà dal 9 al 18 novembre. A presto!

MEDFILM Festival2018

Officially closed the subscriptions to the 

24rd edition of the festival

The registration is now officially closed. We would like to thank all of you for your participation, and we hope to see you at the end of October for the  announcement of the Festival program. We would also like to remind you that the Festival will take place from November 9th to November 18th. We look forward to seeing you soon!

MEDFILM Festival2018

inscriptions fermées

24° édition du festival

L’appel à films pour l’édition 2018 du Medfilm Festival est clos. Merci à tous pour votre participation! Nous vous donnons rendez-vous fin octobre pour l’annonce du programme du Festival. Le festival aura lieu à Rome du 9 au 18 Novembre. À bientôt.

Aperte le iscrizioni alla 24° edizione del MEDFILMfestival

By CATEGORIA EVENTO: MEDFILM FESTIVAL XXIV | No Comments

MEDFILM Festival 2018 

Aperte le iscrizioni alla       

24° edizione del MEDFILMfestival

10 / 05 / 2018 apertura iscrizioni

10 / 09 / 2018 chiusura iscrizioni

Siamo lieti di annunciare la 24° edizione del MedFilmfestival che si terrà a Roma dal 9 al 18 novembre con un ricco programma di film, anteprime, focus ed eventi speciali; una GRANDE FESTA delle culture che vedrà riuniti i protagonisti storici del Medfilmfestival.

C’è tempo fino al 3 SETTEMBRE per iscriversi alla 24° edizione del MedFilmfestival, il più antico festival di cinema della capitale, il primo in Italia dedicato alla promozione e diffusione del cinema mediterraneo, mediorientale ed europeo.

Modulo d'Iscrizione Regolamento

MEDFILM Festival2018

submissions are now open for the 

24rd edition of the festival

10 / 05 / 2018 opening of film submissions

10 / 09 / 2018 closingof film submissions

We are very pleased to announce the 24rd edition of the MedFilmfestivalwhich will take place in Rome from the9th to the 18th of Novemberwith a rich programme of films, premieres and special events. It will be a GREAT CULTURAL EVENT with all the historical protagonists of the Medfilmfestival.

There is time until September 3rd to submit the films to the24rd edition of the MedFilmfestival, the oldest film festival of Rome, the first in Italy dedicated to the promotion and diffusion ofMediterraneanMiddle East and European cinema.

Entry Form Rules

MEDFILM Festival2018

inscriptions ouvertes à la

24° édition du festival

10 / 05 / 2018 ouvertureinscriptions

10 / 09 / 2018 clôtureinscriptions

Nous sommes ravis d’annoncer la 24° édition duMedFilmfestival qui aura lieu à Rome du 9 au 18 Novembre, avec un riche programme des films, avant-premières, focus et évents spéciaux. UneGRANDE FÊTEdes cultures qui réunira les protagonistes historiques du  Medfilmfestival.

Vous avez jusqu’au 3 Septembre pour vous inscrire à la 24° édition du MedFilm, le festival du film le plus ancien dans la capitale et le première en Italie dédié à la promotion et la diffusion des films méditerranéens, du Moyen-Orient et européens.  

Entry Form Rules

MEDFILM FESTIVAL 2018: TORNA IL CINEMA DEL MEDITERRANEO E DEL MEDIORIENTE

By CATEGORIA EVENTO: MEDFILM FESTIVAL XXIV, NEWS | No Comments

TORNA IL CINEMA DEL MEDITERRANEO E DEL MEDIORIENTE CON FILM, DOCUMENTARI, DIBATTITI, MOSTRE ED EVENTI CULTURALI.

Dal 25 marzo al 30 novembre 2018 partirà un gran tour, per la promozione del cinema di qualità, con tappe in Marocco, a marzo, per la 10° edizione dello Speciale Italia a Tétouan; in Tunisia, a maggio, con la 4° edizione delle Giornate del Cinema Italiano e in Italia, a Roma, dal 9 al 18 novembre, con  la 24° edizione del MedFilm festival.

A partire dal 30 aprile sarà possibile iscrivere i film per la 24° edizione del MedFilm festival.

[et_bloom_locked optin_id=”optin_3″] content [/et_bloom_locked]